+39 031 296 768 info@guanellacomo.it

Italian English French German Portuguese Spanish
Area Pastorale

Se don Luigi Guanella non va ora a Gallivaggio… è la Madonna che viene da lui!

Venerdì 30 novembre la statua della Madonna di Gallivaggio farà una sosta presso il Santuario del Sacro Cuore nella sua Peregrinatio Mariae.

Il programma delle celebrazioni:

 - ore 11.00 accoglienza della statua della Madonna di Gallivaggio nel Santuario del Sacro Cuore;

 - ore 15.30 S. Messa, presieduta dal Vescovo mons. Oscar Cantoni e concelebrata dai Confratelli e Sacerdoti presenti, con la partecipazione di fedeli e degli anziani e dei disabili delle Case guanelliane;

 - ore 17.30 Saluto alla Madonna e partenza.

Per l’occasione il Santuario sarà eccezionalmente aperto anche dalle ore 12.00 alle 15.00.


Scrivono i religiosi guanelliani sul “Foglio del Santuario del Sacro Cuore” in distribuzione in questi giorni: «Auguriamo a tutti di poter sperimentare, in questa occasione di grazia, la presenza viva e materna di Maria, attraverso cui ci raggiunge il tocco risanante dell’amore misericordioso del Figlio». In occasione della visita della statua della Madonna di Gallivaggio nel Santuario del Sacro Cuore, il giorno 30 novembre e per tutto il mese di dicembre sarà esposta nell’attiguo Museo “Don Luigi Guanella” l’antica stampa della Madonna proveniente dalla casa Guanella di Fraciscio.

Venerdì 26 ottobre 2018 – giornata per i disabili (S. Messa ore 10:45)

"Chi  cammina  con  Dio  viaggia  lieto”: la frase di san Luigi Guanella ha accompagnato la celebrazione della festa del santo a Como con tutti i ragazzi disabili delle varie case dell’Opera don Guanella della provincia Sacro Cuore."


Celebrazione presieduta da Don Marco Grega, Superiore Provinciale, con tanti sacerdoti provenienti da diverse zone. All’inizio della celebrazione, come atto penitenziale, alcuni ospiti hanno portato uno zaino davanti all’altare, da cui man mano sono stati tolti degli oggetti che simboleggiavano dei vissuti, delle emozioni, delle situazioni che ci appesantiscono il viaggio e soprattutto lo rendono meno lieto.

Durante l’omelia si è svolta  una  particolare  rappresentazione  che  voleva  ricordare un episodio avvenuto a Menaggio in cui la carità di Don Luigi ha aiutato una famiglia a superare il momento difficile della morte della madre.

Leggi tutto...

MUSIC FOR LIFE GRANDE CONCERTO GOSPEL.

Giovedì 21 giugno 2018
ore 20.45.

Como, Santuario Sacro Cuore
(via T. Grossi 18, ampio parcheggio interno)
Protagonisti
il Coro GAP Gospel Always Positive di Como (direttore M° Carlo Rinaldi)
e i Les Petits Chanteurs de La Maitrise du Cap (direttore M° Claire Bisaillon)


In occasione della Festa della Musica, giovedì 21 giugno, è in arrivo a Como una grande festa dell’amicizia per celebrare la vita.
L’appuntamento è alle 20.45 presso il Santuario del Sacro Cuore con il grande concerto “Music for life” del Coro Gospel GAP - Gospel Always Positive - e del coro di bambini in arrivo dal Canada Les Petits Chanteurs de La Maitrise du Cap, in tour in Italia. Spiega il direttore del Coro Gospel GAP, Carlo Rinaldi: «Il concerto di giovedì 21 giugno sancirà il gemellaggio tra i due cori, a evidenziare come la musica unisca e non divida e soprattutto debba essere sempre a difesa della vita. Il nostro Gospel è vita, è energia positiva. Questo vuole esprimere anche il titolo del nostro prossimo album, in uscita nel corso dell’anno, “Inno alla vita”. Sarà dedicato a Rosa e a Penny, due nostre coriste che ci hanno lasciato prematuramente e che continuano a cantare con noi dal Cielo; si tratterà di un “disco medicina” per infondere coraggio, dare speranza, invitare soprattutto i giovani ad amare se stessi, e a proteggere la propria salute anche attraverso la prevenzione». L’ingresso è libero.
Les Petits Chanteurs de La Maitrise du Cap sono nati nel 1963-64 in occasione dell’inaugurazione della Basilica di Notre-Dame du Cap a Trois-Rivières, in Quebec (Canada), il Santuario nazionale canadese in onore della Vergine Maria. Nel 1983 venne istituita una scuola di canto per bambini e ragazzi per premettere loro di ricevere una formazione musicale complete, con sostegni statali. Attualmente il coro, diretto da Claire Bisaillon, adempie a due funzioni ben distinte: un ruolo liturgico nel canto alle cerimonie religiose nella Basilica e un ruolo culturale nella produzione di concerti in cui il repertorio sacro si mescola con la musica secolare di diversi stili ed epoche (http://maitriseducap.qc.ca).

La domenica precedente, 17 giugno, alle ore 21.00, il Coro GAP sarà impegnato per il terzo anno consecutivo in un altro grande concerto esclusivo nel Cortile delle Armi presso il Castello Sforzesco di Milano, nell’ambito della prestigiosa iniziativa “Estate Sforzesca” organizzata dal Comune di Milano.

Leggi tutto...

AMANTI E DIFENSORI DELLA VITA: Il mistero della vita fragile

Secondo Hannah Arendt, grande filosofa del secolo scorso, ciò che l’uomo moderno proprio non può sopportare non è tanto il suo destino mortale, bensì il fatto di essere nato. «Essere nati» significa infatti che nessuno di noi controlla, padroneggia la sua origine; e questo è insopportabile per l’uomo moderno, abituato a reggere le briglia della propria vita e a disporre liberamente di sé. E invece l’«inizio di me» è qualcosa che io non ho scelto, ma mi è stato dato. È accaduto, per così dire, a mia insaputa, e senza che io l’abbia voluto. Questo ritrovarsi disarcionato, nella guida della propria vita, proprio nel momento aurorale della vita stessa, rappresenta per l’uomo moderno – sempre secondo la Arendt – una ferita inguaribile, uno sfregio insanabile assestato al mito della sua autonomia e indipendenza. L’uomo controlla tanto della sua vita, forse addirittura tutto (grazie in particolare alle risorse della scienza e della tecnica, che ne hanno accresciuto a dismisura la potenza), ma il fatto di essere venuto al mondo è, per lui, fuori controllo.

Leggi tutto...

Santa Messa di conclusione del XX Capitolo Generale.

Con una solenne concelebrazione che si è tenuta lo scorso sabato 28 aprile nel Santuario del Sacro Cuore di Como, si è concluso il XX Capitolo Generale della Congregazione dei Servi della Carità – Opera Don Guanella. I lavori si sono tenuti nella bella cornice della casa “Don Guanella” di Barza d’Ispra e sono culminati nell’elezione del Consiglio Generale che guiderà la Congregazione per i prossimi sei anni (2018-2024) e dal nuovo Superiore, don Umberto Brugnoni, decimo successore di San Luigi Guanella. Nato a Cavona di Cuveglio (VA) il 24 maggio 1952, don Brugnoni era entrato nel Seminario minore dei Servi della Carità ad Anzano del Parco nell’autunno 1967. Ha emesso la prima professione religiosa il 24 settembre 1971 a Barza d’Ispra ed è stato ordinato sacerdote il 7 aprile 1979 da mons. Attilio Nicora, allora vescovo ausiliare di Milano, sempre a Barza d’Ispra. Dopo aver rivestito diversi uffici (nel Seminario minore di Roma, in parrocchia a Messina, nella Casa di Alberobello, a Roma come Superiore della Provincia romana “San Giuseppe”), nel 2000 è stato chiamato a svolgere il compito di Vicario Generale della Congregazione. Contemporaneamente si è occupato anche della direzione del Centro Studi Guanelliani, della regia degli eventi legati alla canonizzazione di don Guanella e al centenario della morte e ultimamente della guida del Seminario Teologico di Roma. Fa notare don Fabio Pallotta, ricercatore di “cose” guanelliane, che è la quarta volta, infatti, che viene eletto Padre Generale un figlio della Diocesi di Como, dopo, naturalmente, don Luigi Guanella: il primo è stato don Leonardo Mazzucchi di Pianello del Lario; poi don Luigi Alippi di Abbadia Lariana; terzo don Olimpio Giampedraglia di San Cassiano in Valchiavenna e ora don Umberto, che viene dalle Valli Varesine.

Leggi tutto...

Aiuta l'Opera Don Guanella Como a fare del bene Il tuo contributo economico è prezioso!

"Conviene sempre fare un po' di carità: un povero soccorre l'altro e Dio benedice" - San Luigi Guanella